The Predator

Ritorna sul grande schermo uno degli alieni più inquietanti della storia del cinema: Predator.

In un periodo in cui Schwarzenegger andava alla grande, John McTiernan ha una grande idea: prendere il soggetto di Jim e John Thomas che mescola la fantascienza con l’horror, la guerra con i muscoli, e firmarne la regia. Nasce così Predator (1987) dove il maggiore Dutch Schaefer (Schwarzenegger per l’appunto) sarà il leader del gruppo di soldati che dovranno contrastare il Predator: un alieno che emerge dal fiume e che dimostra di avere una forza sovraumana. Il film funzionava non solo per il suo alieno-mostro dal design ben studiato (a opera di Sten Winston con una piccola aggiunta: James Cameron gli suggerì di aggiungere le mascelle sporgenti), ma anche perché riprendeva il mood dei film post-bellici, il problema della frontiera e del ritorno a casa dei soldati dopo la Guerra in Vietnam.

@20thCenturyFox

Dalla giungla di Predator, Stephen Hopkins ci porta in una giungla urbana nel suo Predator2 (1990). Nonostante un fumetto degli anni ’80 avesse sviluppato la linea narrativa di uno scontro tra alieni (il fumetto Alien versus Predator, è in Predator2 che vengono creati tutti i presupposti mainstream per il crossover con la saga di Alien. Nella sala dei trofei dei Predator si scopre un meraviglioso teschio di Alien, da qui nasce la serie di videogame che accompagnano gli appassionati fino al crossover filmico del 2004 Alien vs. Predator. Poi nel 2007 il seguito Alien vs Predator 2. Nonostante i due film abbiano avuto un discreto successo per gli appassionati, non hanno nulla a che vedere con la saga di Alien: sono semplici crossover, non hanno niente a che fare con i prequel di Alien, che come saprete sono stati sviluppati da Ridley Scott in Prometheus (2012 ) e poi in Alien: Covenant (2017).

Nel 2010 torna invece Predators di Nimrod Antal, e oggi siamo in attesa dell’uscita di The Predators che dal trailer fa ben sperare.

 

Il film uscirà nelle sale italiane il prossimo autunno.

Seguite gli aggiornamenti sulla pagina Facebook ufficiale del film.

Federico Turani

© Riproduzione Riservata