03.12 Julianne Moore

Julianne Moore nasce il 3 Dicembre del 1960. I primi passi nel mondo dello spettacolo li muove all’età di 23-24 anni, quando, dopo alcune apparizioni teatrali viene notata alcuni produttori televisivi. Grazie alla soap opera Così gira il Mondo vince un Emmy Award nel 1988. Per l’esodio cinematografico bisogna aspettare il 1990 con con I delitti del gatto nero di John Harrison.
Le sue forti performance attoriali le garantiscono ruoli in altri grandi film: da America oggi (1993) di Robert Altman  a Il grande Lebowski (1998) di Joel Coen.

Riesce con abilità a dividersi tra  grandi produzioni a pellicole d’autore. La definitiva consacrazione, dopo tanti ruoli da comprimaria, arriva grazie a Paul T.Handerson, che dirige la Moore in due suoi film, Boogie Nights – L’altra Hollywood e Magnolia, grazie a cui riesce ad ottenere la prima delle cinque nomination agli Oscar.

Il 2002 si rivela essere l’anno della Moore: ottiene due diverse nomination, in due differenti categorie, agli Oscar 2003; una come miglior attrice protagonista per Lontano dal Paradiso in cui torna ad essere diretta da Todd Haynes; e una come miglior attrice non protagonista per la formidabile interpretazione in The Hours.

Una statuetta, l’Oscar, sfuggitole di mano per ben 4 volte ma, alla quinta nomination, nel 2014, Julianne Moore riesce a vincere grazie alla struggente interpretazione di Alice, in Still Alice, una dottoressa malata di Alzheimer.