Terminator: Genesys al cinema!

Autorionico, provocatorio, adrenalinico, malinconico, citazionistico, Terminator: Genesys è questo e molto più.Un vero appassionato si divertirà molto in questo ennesimo viaggio nel futuro, ritorno nel passato, sarà colto da linee temporali che si accavallano, si fondono, si piegano l’una sull’altra. I viaggi nel tempo e le implicazioni delle variazioni erano state ampiamente sviluppate da Zemekis in Ritorno al futuro, ora Alan Taylor, grazie al lavoro degli sceneggiatori Laeta Kalogridis e Patrick Lussier, ha la possibilità di divertirsi e lasciare quei pochi “spiegoni” ad uno Schwarzenegger un po’ anzianotto, “vecchio ma non obsoleto”. Senza lasciare dettagli sulla trama che ha comunque una conclusione a dir poco banale e scontata, il film perde un po’ per l’ovvia variazione degli attori che interpretano i personaggi principali della saga, Sarah Connor, Kyle Reese e John Connor, qui interpretati rispettivamente da Emilia Clarke, Jai Courtney e Jason Clarke che risultano comunque credibili. A parte il ritorno nel 1984, Reese che indossa le Nike, il T-800 che funziona quasi più come personaggio comico che action, e qualche momento particolarmente piacevole di CGI il film risulta comunque molto semplice e  adatto a chi vuole rivivere una storia cult.

 

Dario Cerbone

© Riproduzione Riservata