30.07 Hilary Swank

Diligente, trasformista e coraggiosa. Aggettivi che sembrano calzare a pennello all’attrice Hilary Swank, nata a Lincoln, Nebraska, il 30 luglio 1974. Nonostante un’infanzia difficile con una roulotte come casa e il sogno di recitare nel cassetto, quest’attrice non teme sfide come dimostrano le scelte professionali fatte fin qui. Nel 2004, a soli a trent’anni, vanta ben due premi Oscar come miglior interprete per due performance drammatiche: nel biopic Boys don’t cry, in cui interpreta la transgender realmente esistita Teena Brandon, per cui si trasforma perdendo molti chili, e nell’intenso dramma sulla boxe firmato Clint Eastwood Million dollar baby nei panni della grintosa e combattiva pugile Maggie per cui si è sottoposta a un duro allenamento. Per entrambi ha vinto il Golden Globe e insieme a Vivien Leigh, Helen Hayes, Sally Field e Luise Rainer è diventata una delle poche celebrità ad aver ottenuto la statuetta su due nomination ricevute.

million-dollar-baby-hilary-swank

Il resto si tratta di film non molto degni di nota, alcuni dei quali si sono rivelati flop clamorosi. Da salvare in ogni caso il thriller soprannaturale The Gift di Sam Raimi, Insomnia di Christopher Nolan e The Black Dahlia di Brian De Palma.

Il giorno 8 gennaio 2007 la Swank ha ricevuto una stella sull’Hollywood Walk of Fame.

Nel 2007 recita nel sentimentale P.S. I love you, a fianco di Gerard Butler, e nel dramma scolastico Freedom Writers.

Nel 2014 Hilary Swank è diretta da regista di Tommy Lee Jones nel western The Homesman, presentato in concorso al festival di Cannes dello stesso anno.

Laura Sciarretta

© Riproduzione Riservata