Mission Impossible

Una saga in crescendo

Sono passati quasi 47 anni dall’uscita del primo capitolo cinematografico di Mission Impossible. Sì, avete letto bene: 47!
Innanzitutto MI nacque come serie tv, da un’idea di Bruce Geller, vide la realizzazione di ben 7 stagioni, dal 1966 al 1973; successivamente venne realizzata una seconda serie, negli anni ’80, intitolata “Il ritorno di Mission Impossible“.
Tuttavia, questo secondo rifacimento, ebbe vita breve, durò infatti solo due stagioni prima di essere cancellata.
Ad ogni modo, sul finire degli anni ’60, la Serie Tv godeva di uno straordinario successo, che gli permise di ottenere un film al cinema!
Se non ne avete memoria, non vi preoccupate, perchè il film uscì solamente in alcuni Paesi Europei, e l’Italia non fu tra questi.

Così, la Serie, cancellata dopo un calo d’ascolti pazzesco, finì nel dimenticatoio; fino a quando la Cruise/Wagner Productions, una casa di produzione fondata da Tom Cruise e Paula Wagner convincono la Paramount Pictures, che deteneva i diritti della serie, a farne un nuovo film.
Nel 1996, sotto la direzione di quel mostro sacro di Brian De Palma, si rifece totalmente il look di MI, che si ispirò alla serie solamente nel titolo e nella grandissima eredità lasciata da Lalo Schifri, il quale compose il celebre tema musicale.
Il risultato di questo stravolgimento fu un successo mondiale, quanto inaspettato. In termini di box-office, la pellicola si piazzò come 3° miglior incasso del 1996, con un incasso mondiale di 460 milioni di dollari, di questi, 70 spettarono a Tom Cruise come compenso, più una percentuale sugli incassi.
Il pubblicò amò da subito le mirabolanti imprese di  Ethan Hunt, interpretato dall’icona, incontrastata in quegli anni di Tom Cruise, e di quel mondo fatto di spionaggi, agenti segreti, ecc.

Un successo mondiale che, com’è noto, contribuì in modo determinante ai tre sequel fino ad ora usciti al cinema e che, almeno fino ad ora, mai ha subito cali di popolarità.
A confermare quanto detto parlano gli incassi del secondo capitolo (546 milioni, 86 in più del primo episodio), questa volta diretto da John Woo; quasi 400 milioni per il 3° sequel, nel 2006 che segnò il glorioso debutto alla regia di J.J Abrams.
Nel 2011, le avventure di Ethan Hunt e company, toccarono la vetta più alta, in tutti i senti, visto che Tom Cruise, senza alcuna controfigura, per dovere di copione girò sulla torre Burj Khalifa: il grattacielo più alto al mondo!
Tutta questa intraprendenza fu ampiamente ripagata da incassi altrettanto stellari, quasi 700 milioni di dollari per il capitolo più apprezzato e più bello della saga.

A 16 anni di distanza dal primo film, MI e il suo inossidabile Ethan Hunt hanno continuato a guadagnarsi, film dopo film, uno spazio sempre più profondo nell’immaginario  del pubblico appassionato e non. Le imprese di Ethan (e Tom!) hanno fatto storia e scuola, le Ethan Girl sono seconde, per celebrità e fama, solo alle Bond Girl.
Dopo 16 anni, inoltre, è previsto anche il 4° sequel, che si intitolerà Mission ImpossibleRogue Nation. In questo quinto capitolo, diretto da Christopher McQuarrie Ethan sarà affiancato da un cast di prim’ordine: Jeremy Renner, Simon Pegg, Ving Rhames, Alec Baldwin e Rebecca Ferguson.
Nelle sale italiane sarà disponibile a partire dal 19 agosto 2015, in anticipo rispetto alla prima data rilasciata (25 dicembre 2015) vista l’agguerritissima concorrenza di Bond e Star Wars.

Questa volta Ethan&Co. dovranno affrontare una nuova missione impossibile, la più dura finora: eliminare il Sindacato, un’organizzazione criminale internazionale, altamente addestrata come loro e incaricata di distruggere la IMF.

 

Dario Cerbone

©Riproduzione Riservata