XXIX Edizione dei premi Goya

Si è svolta questo fine settimana la XXIX edizione dei premi Goya, maggior riconoscimento cinematografico spagnolo attribuito dall’Academia de las Artes y las Ciencias Cinematográficas.
Il gala, presentato da Dani Rovira, si apre con un pezzo musicale concluso con Resistiré cantata da tutti gli attori in stile Les Miserables partendo dall’indimenticabile fine della pellicola di Almodóvar ¡Átame! con il giovane Banderas che intonava la canzone.
Antonio Banderas quest’anno ha ricevuto il prestigioso Goya alla Carriera come coronamento della sua lunga carriera cinematografica non solo spagnola ma anche internazionale. A presentarlo e a consegnargli il premio è stato Pedro Almodóvar stesso che ha ricordato sul palco gli esordi madrileni che i due hanno condiviso.

Quest’anno il film trionfatore è stato La isla mínima  portandosi a casa 10 busti –  su 17 nomination – tra cui i premi più ambiti, miglior fotografia, miglior regia per Alberto Rodríguez  e miglior film. El niño, il film di Daniel Monzón, ha invece portato a casa 4 premi su 16 nomination.

Un riconoscimento importante anche per la commedia di successo Ocho apellidos vascos, il film campione di incassi con più di 6,5 milioni di spettatori è stata la pellicola spagnola più vista nella storia cinematografica spagnola. Su 5 nomination il film ha portato a casa 3 premi, tutti conferiti agli attori tra cui  Miglior attore non protagonista per Karra Elejalde, Miglior attrice non protagonista per Carmen Machi e soprattutto Miglior attore rivelazione per Dani Rovira, presentatore della serata e di certo uno degli attori comici più importanti di quest’anno.

Un importante risultato è anche quello ottenuto da Relatos Salvajes, di Damián Szifrón, forte dei vari riconoscimenti nei festival internazionali e della sua nomination per Miglior film straniero in questa edizione degli Oscar, ha ottenuto il premio per Miglior Film Iberoamericano.

Il premio per il Miglior Film documentario è andato invece a Paco de Lucía: la búsqueda diretto dal figlio del musicista spagnolo – scomparso di recente – Francisco Sánchez Varela.

C’è anche un po’ d’Italia in questa edizione dei premi spagnoli, con il Goya per Giovanni Maccelli per il Miglior cortometraggio animato Juan y la nube.

 

Ecco la lista di tutti i vincitori:

  • Miglior Film La isla mínima
  • Miglior regia Alberto Rodríguez, per La isla mínima
  • Miglior attore protagonista Javier Gutiérrez, per La isla mínima
  • Miglior attrice protagonista Barbara Lennie, per Magical Girl
  • Miglior attore non protagonista Karra Elejalde, per Ocho apellidos vascos
  • Miglior attrice non protagonista Carmen Machi, per Ocho apellidos vascos
  • Miglior attore rivelazione Dani Rovira, per Ocho apellidos vascos
  • Miglior attrice rivelazione Nerea Barros, per La isla mínima
  • Migliore Regista esordiente Carlos Marques Marcet, per 10.000 KM
  • Miglior Film Europeo Ida, di Pawel Pawlikowski
  • Miglior Film Iberoamericano Relatos Salvajes, di Damián Szifrón
  • Migliore sceneggiatura originale Rafael Cobos y Alberto Rodríguez, per La isla mínima
  • Migliore sceneggiatura non originale Claro García, Cristóbal Ruiz e Javier Fesser per Mortadelo y Filemón contra Jimmy el cachondo
  • Miglior Film documentario Paco de Lucía: la búsqueda
  • Miglior Montaggio José M. G Moyano per La isla mínima
  • Miglior Fotografia Álex Catalán per La isla mínima
  • Miglior Musica originale Julio de la Rosa per La isla mínima
  • Miglior Canzone originale Niño sin miedo, di David Santisteban, India Martinez e Riki Rivera (El Niño)
  • Migliore direzione artistica Pepe Domínguez, per La isla mínima
  • Migliori Costumi Fernando García, per La isla mínima
  • Miglior trucco e acconciatura Carmen Veinat e José Quetglas, per Musarañas
  • Miglior Sonoro Marc Orts, Oriol Tarrago y Sergio Bürmann, per El Niño
  • Miglior Produzione Edmon Roch y Toni Novella, per El Niño
  • Migliori Effetti speciali Guillermo Orbe y Raúl Romanillos, per El Niño
  • Miglior Film d’animazione Mortadelo y Filemón contra Jimmy el Cachondo
  • Miglior Cortometraggio di finzione Café para llevar di Patricia Font
  • Miglior Cortometraggio documentario Walls (Si estas paredes hablasen), di Miguel López Beraza
  • Miglior Cortometraggio di animazione Juan y la nube , di Giovanni Maccelli

    Cristina Aresu © Riproduzione Riservata